FUNIVIA dell’ETNA a quota 70 anni. Una grande festa per la ricorrenza organizzata dalla Famiglia Russo Morosoli.

FAUSTA,FRANCESCO E DANIELA RUSSO

La storia della Funivia dell’Etna comincia nel 1953, costruita coraggiosamente sul vulcano attivo più alto d’Europa,e l’inizio dell’attivita’ risale operativamente al 1955  con le infrastrutture necessarie  terminate nel 1959, allorchè il   Conte Dino Lora Totino,di Cervinia, prese in carico  l’iniziativa, data la sua esperienza in materia di impianti a fune  di quell’epoca, certo non paragonabili  a quelli odierni , per tecnologia, sicurezza e  praticità, e quindi la Funivia inizio’ la sua attivita’ a  suo tempo in punta  di piedi addirittura  con una  sola mini cabina, per poi arrivare  a 4 mini cabine.  

Qui finisce la storia  un po’abbreviata  della genesi della Funivia e contemporaneamente inizia quella della famiglia RUSSO MOROSOLI che nella storia stessa  vi è entrata a suo tempo ( fine  anni ’60),con la intuizione   del compianto  Dr. Giaocchino RUSSO MOROSOLI, e nella storia  della Funivia  la Famiglia RUSSO MOROSOLI  c ‘e’ tuttora , e si nota dagli investimenti e dai grandi progetti attuati , e ci resterà .

Il potenziamento degli impianti e la meticolosa manutenzione sono fiore all’ occhiello e conseguentemente l’incremento  continuo dei mezzi speciali per bene operare sul vulcano più’ alto d’Europa( dal 2013 patrimonio dell’Umanita’),  dove ogni giorno , tranne cause atmosferiche di particolare intensità, la FUNIVIA ( oggi sotto forma di telecabine ad aggancio automatico) porta a quota 2500 migliaia di passeggeri moltissimi dei quali  turisti, e il servizio prosegue fin dove consentito dalle intervenute norme di protezione civile, fin quasi  sotto il cratere con appunto dei mezzi speciali  Truck fuoristrada Iveco, Mercedes e Mann , gli eredi dei famosi “Cacciamali” che   furono i primi  a salire fino a 3000 mt moltissimi anni fa( 1990) e oggi  vi è un parco vero e proprio di simili ma piu’  moderni  mezzi , con  un su e giù davvero anche piacevole a vedersi.

Il personale è specializzato e molti degli operatori sono anche guide dell’ Etna . Tutto ciò è stato possibile grazie all ‘impegno economico  ,ma anche passionale, della famiglia Russo Morosoli, con il ricordo  dell’ impareggiabile figura che fu il Dr. GIOACCHINO RUSSO MOROSOLI ( che purtroppo ci manca da 10 anni ) un vero imprenditore, signore, mecenate, lungimirante e coraggioso  ( ci ha creduto sempre , anche quando si è visto svanire la stazione a monte della Funivia colpita 5  volte e distrutta dalla lava , e anche  un Hotel  nel versante  Nord Etna a Piano Provenzana, stavolta  per un grosso terremoto  !)

Mai un passò indietro! Non ci sono parole per ricordarne  la  figura  e  l’operosita’ intuitiva   e  intelligente .

Oggi ci sono la moglie, signora Daniela Vinci , una istituzione ,sempre a fianco del marito  ai tempi, e tutt’oggi  a fianco e a sostegno della azienda e i due figli Francesco ,Lui al timone del gruppo Russo Morosoli  , e Fausta  altrettanto  impegnata in settori induttivi e di supporto al buon andamento della azienda. Insomma  una holding  , la Funivia  nata 70 anni fa  e che  non sente  il peso degli anni, soprattutto perchè  da  quasi 50 nelle  operose  mani dei signori sopradescritti.

   La FUNIVIA è una grande realtà per l’ intera Sicilia . Grazie  alla buonanima del grande GioGio’ ( per noi tutti cari amici era il suo  nome  affettuosamente  accorciato)e alla continuità maggiorativa della intera Famiglia  !!

AUGURI FUNIVIA !! E COMPLIMENTI ALLA  FAMIGLIA .

Una grande festa e’ stata organizzata per l ‘occasione nei grandi uffici di Cannizzaro, con circa 300 ospiti  ,con  un grande buffet “stellato”, musica  , filmati  dell’attivita’ nonchè  , ahime’ anche quelli della  distruzione   operata dalla inesorabile  lava.

A fine  serata Daniela  e  i figli Francesco e Fausta hanno ringraziato  tutti gli ospiti  e tagliato una  grande  torta.   

VI LASCIAMO ALLE NUMEROSE  FOTO DI QUESTO GRANDE EVENTO


 

FAUSTA E FRANCESCO

LE PRIME 2 UNICHE CABINE NEL 1960

I PRIMI TURISTI

LA LAVA

UNA DELLE 53 CABINE A 6 POSTI DI OGGI

IL RIFUGIO SAPIENZA E LA STAZIONE DI PARTENZA ANNI 70

FRANCESCO CON GIUSEPPINA GIUSINO

CON AMICI

CON IL CUGINO ROBERTO

FRANCESCO CON MAGDALENA AVELLA E LA MADRE DANIELA

CON ROBERTO E ANNY PORTO

FRANCESCO CON I CONIUGI COTTINI E VINCENZA BENZA

 

 QUI CON VINCENZA BENZA

 

VINCENZO BARONE, FAUSTA RUSSO,LULA RUSSO E LA FIGLIA, MARIA GRAZIA RANDAZZO

FAUSTA CON DELIA BARBAGALLO

DELIA BARBAGALLO, FABRIZIO ASCIUTTI E MOGLIE, FAUSTA

MANUELA  PORTO, DELIA BARBAGALLO E FAUSTA

 

MARIA MIRAGLIA. DANIELA RUSSO,GIUSI BELLONE, MARIAGRAZIA RANDAZZO

DANIELA CON ANGELAMARIA TOSCANO E MARINA CORRADI

CON CLAUDIA ALBANESE

DANIELA CON NANNI E LISA CULTRERA E ALESSANDRO GRAVINA DI SAN GIORGIO

LICIA MIRONE, MARIA MIRAGLIA, VITTORIO GRAZIANO

EMANUELA PORTO

LICIA MIRONE E ANNAPIA PAPPALARDO

VINCENZO, LAURA E GAETANO ARCIDIACONO

ROBERTO PORTO E ARTURO GIORGIANNI

EMMA E FRANCESCO CALABRESE

ORNELLA SANTONOCITO

INA TARRO

LEDA LA ROSA, DANIELA CORSARO,NANNI E LISA CULTRERA DI MONTESANO

 

GAETANO E LAURA ARCIDIACONO

AL CENTRO DOMENICO CARCAGNOLO E SIGNORA E A DX  IL DOTT GIOVANNI GRECO 

LORENA E GIANFRANCO LO SCIUTO

SELFIE TRA AMICI

QUATTRO SALTI NELL’ANGOLO DISCOTECA foto pessime perche ‘ disturbate da riflettorii  a colori in quell’angolo

MIRELLA SPOTO PULEO E MARINA CORRADI

MARIAGRAZIA AMORE, I CONIUGI BENEVENTANO,LEDA BELLOFIORE

ANTONELLA GUGLIELMINO, EMMA COTTINI, CLARA PRATO

ANTONELLA GUGLIELMINO,CARLA MAJORANA,VINCENZO BARONE ,LICIA MIRONE

FRACESCA FERRERI E UNA AMICA

SAHATINA GRASSI BERTAZZI E GIUSI BELLONE

ANTONELLA PENNSI , LISA E NANNI CULTRERA,ANTONIO PENNISI

GIUSEPPINA GIUSINO,I CONIUGI PENNISI

DARIO PISTORIO E EMANUELA PORTO

CHIARA E FABRIZIO LANERI

SERGIO ASCIUTTI E FAMILIARI

FRANCESCO E IVANA GALVAGNO  CON CARMELITA BONAVENTURA

ADRIANA MILANA E GIUSI BELLONE

ANTONIO TARRO, LO CHEF STELLATO SEB SORBELLO, GIUSI BELLONE E MARIA MIRAGLIA

ADALGISA MAGNANO SAN LIO E LICIA MIRONE

KATIA E GIUSEPPE GENNARINO

PUCCI GIUFFRIDA E LINDA ZANGARA

GIOVANNI TOMARCHIO E FRANZ ZIPPER

SEBY SORBELLO CON PARTE DEL SUO STAFF