” SCUPA” un lavoro di Gugliemo Ferro, anima tre serate al Castello di AciCastello, con successo di pubblico..

AGOSTINO ZUMBO

Nella bella e suggestiva cornice del castello di epoca normanna di Aci Castello, è andato in scena “Scupa”, spettacolo itinerante in 4 ambienti ( vari angoli in interpiani del Castello), che ha concluso la stagione del  Teatro Mobile di Catania e che ha avuto la durata di tre serate ( 6 spettacoli), fino a Domenica 14 luglio.

Una idea di Guglielmo Ferro, autore anche della regia, e di  Angelo Scandurra che ha raccontato la Sicilia di un tempo , attraverso i testi originali di Giuseppe Bonaviri, Ottavio Cappellani, Emilio Isgrò, Micaela Miano, Angelo Scandurra, Gabriella Vergari e Carmen Consoli.

Una rappresentazione, dedicata all’attore Luigi Nigrelli prematuramente scomparso, che è piaciuta e ha divertito il pubblico , accorso numerosissimo( due turni a sera di un ora abbondante) dando voce ai protagonisti delle carte del gioco popolare della “Scopa” e che ha raccontato il proprio percorso di vita, come nel caso del “Due di coppe” interpretato dal bravissimo Gino Astorina, e poi anche la visione della vita secondo la passionale e fedele “Donna di Bastoni”, interpretata con maestria e veracita’ da Francesca Ferro accompagnata da musiche dal vivo dei Lautari Castrogiovanni e Allegra.

Carte da gioco, viste e recitate da uomini e donne in costume con impegno, come. Pasquale Platania nei panni del “Re di Spade”per esempio , che sguaina la sua spada per difendere la Sicilia e la sua gente, affinché questa nostra terra continui a splendere con i suoi antichi valori.

Le carte più importanti del mazzo,hanno divertito il pubblico con la realtà dei loro versi come il “Tre di oro” interpretato da Agostino Zumbo, Giovanni Arezzo e Giovanni Maugeri e qui l’innesto di Gino Astorina ha fatto il resto. Come anche il “ Settoro “( Settebello) interpretato da Damiano Randazzo, ambìto da diverse donne fra cui  Verdiana Barbagallo e Chiara Calì,e altre , tutte bravissime. Costumi davvero belli e ambientati perfettamente. Un “ Due di spade “ ( Luciano Messina) che ha incantato per la interpretazione di uno che proprio non gli va di fare niente. Lucia Sardo, sempre brava e calata nel ruolo dellaDonna di Oro” che , vestita in tinta oro, per la carta che rappresentava, narrava la storia della Sicilia, terra di conquista e di tanti Re, rievocando personaggi storici e leggendari, fra cui Gammazita.

Guglielmo Ferro, regista affermato, ha dato il meglio di se, inventandosi un percorso originale , dato anche da ragioni di spazio, tra musiche e canti: per un piacevole lavoro in tre serate di caldo , ogni tanto sferzate da un venticello che lasciava respirare due minuti , su e giù per le scale dell’imponente  maniero.

FRANCESCA FERRO

LUCIA SARDO ( scusate per la qualita’ della foto)

GINO ASTORINA, bravo, simpatico, verace e …verista. 

SEMPRE INCANTEVOLE IL PANORAMA DAL CASTELLO

 

Be the first to comment on "” SCUPA” un lavoro di Gugliemo Ferro, anima tre serate al Castello di AciCastello, con successo di pubblico.."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*