Sarnano – Sassotetto: seconda prova del campionato Italiano Autostoriche insieme al Campionato Moderne con affanno !!

LE DUE VETTURE SPORT DEL TEAM DI FULVIO

Affanno! Che termine angoscioso ! In un posto e in una circostanza ( una corsa ) che serve per rilassarsi e divertirsi.  È proprio quello che quasi tutti abbiamo vissuto, l ‘affanno di questa tre giorni a Sarnano ,un  grazioso paesino sull’ appennino marchigiano ,dove ogni anno si svolge la cronoscalata che da Sarnano porta agli impianti di risalita di Sassotetto ( un rinnovo alle seggiovie e skilift non guasterebbe) . Freddo ,pioggia ,umido e per finire nebbia su metà percorso la domenica nel giorno della Festa del lavoro : Il primo maggio !Stranezze del buco di ozono . Naso all’ insu, e gomme montate e smontate due volte al giorno sia il sabato per le prove , che la mattina della domenica .Due gare di campionato nazionale( 84 vetture storiche e 147 moderne) lo stesso giorno sono alquanto impegnative, se non dispone di una logistica adeguata;il paese diventa un grande paddock, il corso principale una teoria di tende  e camion di un certo tipo e in più ci vogliono tre km per andare alla partenza preceduti a gruppi di 20 macchine  da una staffetta . Preso il via il pilota percorre il bel tracciato di quasi 9 km ( attenzione perchè il fondo stradale lo abbiamo trovato in peggioramento rispetto al 2015), taglia il traguardo è poi va….. a sciare..  facendo altri 2 km  per parcheggiare nel piazzale della prima seggiovia, dove si fa il parco chiuso ! Inoltre se il Paddock a valle fosse organizzato con una piantina tassativa degli spazi , tanto conclamati e richiesti sia con telefonate che nella scheda di iscrizione un mese prima , “nulla quaestio”, ma se poi  non vengono rispettati e chi arriva prima “si infila”  non va bene . Non va bene neanche mettere personale  al Paddock ( ragazze. ) che non  sanno alcunché di auto  e che contano 20 vetture alla volta, senza tenere conto  delle classi complete che si fanno incolonnare intere. E non va bene neanche che il programma , scritto un mese prima , preveda la premiazione delle storiche alle ore 13 in modo autonomo, e conseguentemente liberatorio per chi parte, mentre invece poi si trovano scuse diverse tra il management  per il postergo alle 15,30 non accettando  ne critiche ne proteste ! Il silenzio  scende nella valle e lentamente il serpentone defluisce  e inizia il lungo viaggio per chiunque , ricchi e poveri ,col proposito di non tornare il prossimo anno: e’ davvero fuori mano Sarnano  e se aggiungiamo tutte queste e altre imperfezioni  non è più una  cosa piacevole . Ma gli osservatori  Acisport  non le notano queste cose ?Qui nessuno vuole puntare coltelli, sia ben chiaro ? Ma le cose che si devono dire si devono dire. E due gare cosi impegnative  non si possono fare insieme  e diventa una forzatura, poi ci si è  messo pure il maltempo e certo non è colpa degli Organizzatori , cortesi , gentili, generosi in alcuni casi per carita’, ma lo scopo principale  è quello di far andare tutto per il verso giusto. Andiamo alla gara che è meglio .Via! Comune denominatore : Giorno della gara pioggia , strada infida e nebbia fitta a tratti sui tre ultimi KM, senza distinzione fra storiche e moderne, ma davvero tutti bravi a non creare incidenti , salvo qualche piccola cosa.

Nelle Autostoriche Il team di Fulvio  ha vinto  alla grande con Stefano al top ,e Simone abbastanza altrettanto ; anche Uberto Bonucci ,inseritosi a giusto titolo fra i due fratelli,ha dimostrato di essere ancora il leone di sempre. Nei vari raggruppamenti,  il primo ha visto Tiberione Nocentini con la bellissima Chevron B 19  stravincere ,seguito da Di Fazio con la Nsu ,da Rossi con una Giulietta anni 60 molto veloce , e poi dall’altoatesino George Pruegg con la rarissima Alta e da Tonino Camilli con la 1100 sport Ala d’Oro. Il secondo raggruppamento ha visto  primo Motti con la sua bella  Porsche blu elettrico , secondo Palmieri col Pantera De Tomaso ( un po’ malconcio in prova per una carezza con un muretto )terzo il siciliano Matteo Adragna ,sempre più a suo agio con la rinnovata Porsche , quarto il locale Marconi con la 128 coupe’ 1300 e quinto il siciliano Giacomo Barone con la 128 1150  ( frizione cambiata durante la notte), e bene pure il rientrante Michele Marino( catanese) con la Gtv . Il terzo raggruppamento ha visto Gallusi con la Porsche, Ventriglia con la X1 /9, e bene anche il siciliano Ghost, mentre il quarto raggruppamento ,come già detto con Stefano Di Fulvio ,Bonucci, Simone Di Fulvio, Lottini e Ceteroni . Il quinto con Angiolani, Alex Trentini e la simpatica e brava Gina Colotto con la formula Abarth. Bravissimi tutti questi, ma  bravi davvero tutti gli 80 piloti sol soltanto per aver avuto coraggio , determinazione e …pazienza ( ..almeno per chi ha questa dote  …)

Andiamo alle Moderne : un Fagioli che farebbe bene a  cambiare sport e pilotare un F 16, in quanto la nuova Norma e quasi un aereo appunto, un Merli determinato , ma .. ancora  non si può …, un Magliona che ha dimostrato già tutto, e poi un Cubeda , catanese doc, campione siciliano assoluto per due anni consecutivi , che ha messo la firma sul quarto assoluto, ma sopratutto sul primo posto di classe ai danni di Domenico Scola junior, che ci avrebbe tenuto parecchio qui a Sarnano, dove suo nonno era un abbonato all’ assoluto . Nelle turismo benissimo il ns catanese Salvo D ‘Amico  ( la scud Etna aveva quattro macchine 3 storiche e appunto quella di D ‘Amico,una moderna) salito sul podio e sul Sassotetto,col sorriso stampato in viso, e Lui che è sempre serioso, ogni 15 giorni ci fa il regalo di un sorriso: Continua cosi’.

LE DUE VETTURE SPORT DEL TEAM DI FULVIO

LE DUE VETTURE SPORT DEL TEAM DI FULVIO IN UN RARO MOMENTO DI SOLE

P1160521

STEFANO DI FULVIO

UBERTO BONUCCI

UBERTO BONUCCI

LA CHEVRON DI NOCENTINI ASSISTITA DA MARCO BERNARDINI

LA CHEVRON DI NOCENTINI ASSISTITA DA MARCO BERNARDINI

GINA COLOTTO

GINA COLOTTO

PIERO LOTTINI, E GIULIANO PALMIERI CON AMICI

PIERO LOTTINI, E GIULIANO PALMIERI CON AMICI

STEFANO DI FULVIO E ROBERTO TURRIZIANI

STEFANO DI FULVIO E ROBERTO TURRIZIANI

SANDRO ZUCCHI E UBERTO BONUCCI

SANDRO ZUCCHI E UBERTO BONUCCI

ENRICO ZUCCHETTI E I SUOI AMICI

ENRICO ZUCCHETTI E I SUOI AMICI

UN TAVOLO TUTTO SICILIANO

UN TAVOLO TUTTO SICILIANO

IL VITTORIOSO ARRIVO DI DOMENICO CUBEDA

IL VITTORIOSO ARRIVO DI DOMENICO CUBEDA

RELAX DAVANTI AL BILICO , DA SX Vincenzo BARONE, MICHELE MARINO,GIACOMO BARONE, CLAUDIO BENEDETTI

RELAX DAVANTI AL BILICO , DA SX Vincenzo BARONE, MICHELE MARINO,GIACOMO BARONE, CLAUDIO BENEDETTI

IL BILICO DELLA TOSCANA MOTORSPORT ARRIVA NELLA NOTE A SARNANO

IL BILICO DELLA TOSCANA MOTORSPORT ARRIVA NELLA NOTTE A SARNANO

GIACOMO BARONE

GIACOMO BARONE

P1180285

GIACOMO BARONE CON MARCO CETERONI

GIACOMO BARONE CON MARCO CETERONI

LA 128 JEGERMEFTERE CHE INSIEME ALLA 128 GIANNINI RECA IL LOGO DELLA REGIONE SICILIANA

LA 128 JEGERMEFTER CHE INSIEME ALLA 128 GIANNINI RECA IL LOGO DELLA REGIONE SICILIANA

P1160507

SALVO D'AMICO

SALVO D’AMICO

CONDIZIONI CLIMATICHE CHOC

CONDIZIONI CLIMATICHE CHOC

GOMME , GOMME GOMME DAPPERTUTTO

GOMME , GOMME GOMME DAPPERTUTTO

LA 110 SPORT DI TONINO CAMILLI

LA 1100SPORT DI TONINO CAMILLI

VERIFICHE E PESATURE ALL'ARRIVO PER UNA VENTINA DI AUTO

VERIFICHE E PESATURE ALL’ARRIVO PER UNA VENTINA DI AUTO

P1160536P1160537

SI LAVORA FINO A SERA SULLA 128 GIANNINI PER CAMBIARE LA FRIZIONE

SI LAVORA FINO A SERA SULLA 128 GIANNINI PER CAMBIARE LA FRIZIONE

SANDRO ZUCCHI

SANDRO ZUCCHI

 

 

Be the first to comment on "Sarnano – Sassotetto: seconda prova del campionato Italiano Autostoriche insieme al Campionato Moderne con affanno !!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*