Ancora sulle rotonde cittadine

Ci eravamo lasciati ad agosto con un pezzo sulle Rotonde cittadine e i suoi pro e contro, le osservazioni (pacate come ns costume) sulla viabilita’ e sulla utilita’ di questo pseudo mezzo di tentato snellimento del traffico.Avevamo posto un termine iniziale , il 20 settembre giorno dell’apertura delle scuole, stimando che ,se da quel periodo in avanti e fino a Natale, si sarebbe potuto stabilire se il provvedimento fosse stato un flop, oppure una cosa indovinata. A quanto pare nei due triangoloni di via D’Annunzio e dintorni i commercianti hanno perso la pazienza fin dal periodo dei morti, o di Hallowin se piu’ vi piace( altro che Natale !) Infatti buona parte dei negozi di via d’Annunzio e dintorni sono tappezzati di manifesti che invitano il Sindaco e la amministrazione a trovare una soluzione differente, altrimenti loro, con il mancato introito dato dalla diminuzione degli affari, saranno costretti a rivedere i contratti di lavoro, gia’ precari, dei loro dipendenti.E si sono arrabiati parecchio, dopo avere parlamentato piu’ di una volta con rappresentanti dell’amministrazione , senza avere avuto alcun riscontro.Tanto da tapezzare di manifesti le loro vetrine. In effetti al cittadino qualunque che frequenta questa zona( il sottoscritto per esempio) risulta facile capire che questi signori hanno ragione di lamentarsi: infatti ogni giorno solerti vigili urbani “vigilano” affinchè il traffico scorra , e veloce per giunta!! ma dove è questa velocita’? Infatti si notano code da un triangolone( cosi’ si deve chiamare una rotonda che non è tonda), all’altro, e senza che ci si possa fermare un solo attimo, pena una multa immediata senza tema di smentite e tolleranza.Giorni addietro mi trovavo in zona e avevo necessita’ di comprare due microbatterie per il mio impianto di allarme Octotelematic della mia vettura e mi sono fermato un attimo dall’istallatore per chiedere di avere installate le due microbatterie nel portachiavi: Nulla di piu’ difficile, poiche’ due vigili erano gia’ pronti con taccuino in mano. Risultato ? Le batterie le ho avute installate in 2 minuti, ma per evitare discussioni, cosa ho fatto ? Ho lasciato il portachiavi all’installatore e ho fatto due giri di palazzo da normale fruitore delle strade limitrofe( non è vietato ancora circolare in continuazione !), al secondo giro completo, al volo ho ripreso il portachiavi , ho pagato sempre al volo,e sono andato via, contribuendo ovviamente a aumentare il traffico , in quanto transitato tre volte dallo stesso posto, dove mi bastava passare una volta. Pensate a chi si vuole avvicinare al bar per un caffe’ al volo dal buon Antonio, in via Dalmazia angolo D’Annunzio,che fa? Ne beve mezzo a giro di palazzo e paga al terzo giro, neanche fossimo …a Monza ! E via discorrendo. Insomma , come prevedibile , è stato il flop che pensavamo.Che fa’ ci volete ripensare signori amministratori ? Che ne direste ?

foto 1 foto 5 foto 4 foto 3

Be the first to comment on "Ancora sulle rotonde cittadine"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*