Provincia Etnea: Visitiamo Randazzo

Randazzo754 metri sul livello del mare, 11.000 abitanti circa, ridente cittadina sul versante settentrionale dell’Etna, che domina la Valle dell’Alcantara verso cui scivola in modo graduale; la cittadina si trova al crocevia di tre importanti province: Catania, Messina ed Enna, collocata strategicamente al centro di quello che un tempo era la  Val Demone. Di origine Medievale, giace però su un territorio in cui si sono incontrate le più disparate civiltà tra cui Greci,ebrei, arabi, normanni e altri e tutti  hanno lasciato tracce di alto valore documentario ed artistico .
Le origini del suo nome sono tuttora un mistero legato alla sua fondazione.
Con le sue bellezze paesaggistiche naturali e col fascino delle sue antiche opere d’arte, chiese, vecchi palazzi, musei che ospitano resti archeologici e scientifici di grande valore,  strade , stradine, vicoli in pietra lavica, è una storica  cittadina, in un comprensorio di  tre aree protette: il Parco Regionale dell’Etna, quello dei Nebrodi ed il Parco Fluviale dell’Alcantara.

C’è un Museo,  ospitato nella fortezza del Castello “Carcere” che   contiene reperti ritrovati in contrada S. Anastasia a Randazzo dall’archeologo randazzese Paolo Vagliasindi dei Baroni del Castello, mecenate,e appunto sui cui terreni a Randazzo e  contrade  viciniori, furono fatti degli scavi, a opera  del Soprintendente Unico per la Sicilia nel 1889  , il palermitano Antonio Salinas che,vista l’importanza  dei ritrovamenti, porto’ meta’ di questi al Museo di Palermo e meta’ li affido’ allo stesso proprietario, appunto il Barone  Vagliasindi , che  la mise  a  disposizione del pubblico e  degli studiosi, e  da cui prende il nome il  Museo ,suddiviso in 5 sale:nella sala centrale Oinochoe oltre ai pezzi più pregiati della collezione sono esposti oggetti in bronzo e la raccolta numismatica di Paolo Vagliasindi;la sala Jonica ospita i pezzi più antichi con reperti di età ionica e corinzia;nella sala della Ceramica Nera sono esposti esemplari di età attica ricoperti da vernice nera;la sala Attica espone ceramiche di manifattura attica del V secolo a.C.;nella sala Ellenistica sono esposte ceramiche di epoca ellenistica del IV secolo a.C.
La città è collegata alla Strada Statale 120, “dell’Etna e delle Madonie”, che prosegue in direzione di Nicosia e poi verso Termini Imerese e Palermo, dopo aver lambito il centro antico di Randazzo. Dalla stessa città, hanno poi origine la Strada Statale 116 – che attraversa diversi paesi del Messinese, per poi raggiungere Capo d’Orlando, sul Mar Tirreno –, e la Strada Statale 284, “Occidentale Etnea”, che porta a Catania facendo il giro dell’Etna, lungo l’asse nordovest-sud, lambendo le città di Maletto, Bronte, Adrano, Biancavilla, Santa Maria di Licodia, Paternò e Misterbianco.

Tante  sono le cose  da  vedere  fra  cui il Palazzo Reale, numerose chiese  , la piazza principale, angoli e scorci tra i piu’ suggestivi.

Merita  un week end, per cui si puo’ anche  pernottare in Hotel, ( Scrivano) o altri piu’ piccoli, e la cucina del luogo offre specialita’  eccezionali, (evitare  chi è a dieta, perché sarebbe un peccato, perdere  i funghi , o la gallina  in brodo dell’Agora’, per non parlare  dei primi piatti , tutti ottimi). Per quanto riguarda i vini, non c’è di che  confondersi: tutta la zona  è una enorme cantina, un santuario della produzione vinicola, nota nel mondo.

Non vi raccontiamo altro, dovete per forza andare.

  • P1150597

    ANTICHI GIOIELLI AL MUSEO

    P1150595

    P1150594

    IL MUSEO VAGLIASINDI

    P1150593

    IL CASTELLO SVEVO

    P1150601P1150588P1150590

  • P1150591
P1150571

Una rassegna di Bersaglieri in piazza

P1150568

L’ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO ANTONY BARBAGALLO, IL SOPRINTENDENTE AI BENI CULTURALI FULVIA CAFFO, IL SINDACO MICHELE MANGIONE

ANTONY BARBAGALLO ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO

ANTONY BARBAGALLO ASSESSORE REGIONALE AL TURISMO

P1150570P1150566P1150576P1150581

P1150555

UNO DEI VIGNETI DELL’IMPRENDITORE PUCCI GIUFFRIDA, TITOLARE DELL’AZIENDA AL-CANTARA,NEI PRESSI DI MOIO ALCANTARA A 5 KM DA RANDAZZO

P1150548

L’AZIENDA AL-CANTARA E LE SUE CANTINE

P1150557

LA VECCHIA ORIGINARIA CANTINA

P1150583P1150587P1150589P1150602P1150558P1150549P1150560

BARRIQUES

BARRIQUES

P1150561

IMPIANTI PER LA PIGIATURA DELL’UVA

P1150548

Be the first to comment on "Provincia Etnea: Visitiamo Randazzo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*