PERGUSA atto secondo: pochi, ma buoni( e senza pioggia e nebbia…)

ANDRE', SGRO'... MERTOLI' Tris di Organizzatori

La seconda prova del crono in pista a Pergusa si è svolta questa volta con un clima piacevolmente teporoso e l’ occasione è stata propizia per passare una giornata in relax in Autodromo, dove stavolta non mancava nulla . Infatti una tenda ristorante installata dal Garden ha fatto da complemento alle strutture dell’ Autodromo . Grande lavoro del solito Corrado Andre ‘ ( collaborato a distanza ( debita) dal socio, il cognato PieTro Mertoli ); vi ricordate la trasmissione TV “ Il braccio e la mente “( io sì, ma sono vecchio ! ) Ecco loro due sono identici ai protagonisti di quell’epoca. Scherzi e battute a parte, la manifestazione ha visto presente un numero di partecipanti simile alla prima prova , giusto perché in primis c’era una gara in Calabria ,valida per il Civm e altri abitue’ erano impegnati in differenti affari .Ma vorremmo dire una cosa : la gente lo ha capito che ,a parte il Trofeo Sicilia che è un trofeo istituito dall’ autodromo e dalla Start ASD ( con tanto di montepremi ), che csai Sicilia h a questa emetgente specialita’,che nel regolamento recita che se non si fanno almeno tre gare del crono in pista non si potrànno comporre i punteggi con le salite siciliane ? E quindi non si potrà concorrere al campionato regionale per attività sperimentali ? Resta il campionato regionale salita o per storiche o per moderne ( quello di ogni anno ) che prevede solo divers e salite con un minimo di tre.Quindi non si giustifica in nessun modo la poca presenza a Pergusa, attribuibile solo a scarsa conoscenza dei regolamenti dei campionati regionali. Né si può obiettare che la pista costa molto, perché con 146 euro non ci fai una gara in salita ! Insomma non si capisce . Ovviamente la professionalità del management di Pergusa , tecnici preposti alle verifiche compresi, e della START Asd, è sempre la stessa o con 23 macchine o con 230 , e quindi s e ne deduce che gli assenti hanno sempre torto e noi ci siamo divertiti ugualmente . Non venite a dire poi che ognuno ha vinto la propria classe perché era solo ! Cosa dovevamo fare ? Starcene a casa ? E perché ? Ma andiamo alla gara : 7 storiche con in testa la Alfa Sud di Capizzi che ha dato battaglia alla splendida Giulietta SZT di Spinelli e alle due 128 di Bulla e del sottoscritto( troppo corti i rapporti al cambio di quest’ultima) e poi agli altri .Nelle Moderne un Giancani superlativo con una frizione capricciosa . Una OsellA pa 21 ex Iaquinta venuta dalla Calabria ( si dalla Calabria dove c’era il REVENTINO ! ) che ha poi vinto per un solo secondo sul millino di Giancani, ma c’erano anche altre vetture quali le 500 Abarth con un Antonio Lo Certo in grande spolvero, un Romeo Muccio rientrato appositamente alle corse e i due coniugi di Stefano l’un contro l’altro armati in una lotta tra loro due soli, ma altre belle macchine quali la RS Clio di Piccolo, la vettura di Benedetto Palermo, diverse Peugeot 205, una Citroen velocissima, e ancora altre vetture. NOTE  DI  COLORE. Il Villaggio Giancani,luogo circoscritto a  50 mq con camion offina  mobile al centro,e sedie e tavolini tutt’intorno, espressione  della  piu’ alta  cucina da  forno della Sicilia, operatrice la Signora  Maria Giancani Giglio, protagonisti e  fruitori : gli amici di sempre. -SCUDERIE : senza  offesa per nessuno, ma  la Scuderia Etna( personaggio di cataniaVip) è al Top con diverse vittorie di classe e di gruppo. Alla fine effettivamente premi per tutti( ma anche punti per quasi tutti…). Belle come sempre le coppe dell’Autodromo, gestite  da miss Ornella Emma, una  colonna  dell’autodromo. Tutti contenti, facce rilassate, un po meno quella di Corrado Andre’ , ma comunque come si suol dire….”basta che c’è la salute …!!” ah  poi c’è Mertoli : una  Pasqua !!( della serie : ‘mbriachi e picciriddi  DIO li aiuta ! )

ANDRE’, SGRO’… MERTOLI’.. Tris di Organizzatori

i primi tre delle moderne
con il presidente Sgro’ a premiarli

Toto’ Spinelli ha vinto il primo raggruppamento

LINO CAPIZZI HA VINTO IL TERZO RAGGRUPPAMENTO

SENZA GRANDI SFORZI IL VS CRONISTA HA VINTO CLASSE E RAGGRUPPAMENTO( ERA  SOLO !)

VINCENZO BARONE , TOTO’ SPINELLI, IL PADRONE DI CASA ONOFRIO GIANCANI, DELFO BULLA, OSPITI AL” VILLAGGIO GIANCANI “PER APPREZZARE LE LECCORNIE DELLA SIGNORA MARIA E DEL PANIFICIO GIGLIO

THE VILLAGE

LA SIGNORA MARIA GIANCANI GIGLIO

“QUELLI DI GIARRE MILO “, ORMAI TALMENTE NOTI DA NON AVERE BISOGNO DI PRESENTAZIONI,VENUTI A PERGUSA A FAR PROSELITI PER LA GARA DI OTTOBRE CHE IN ASSENZA DELLE STORICHE NON SAREBBE UNA GARA COMPLETA…. a buon intenditor )

LA SPLENDIDA GIULIETTA 1600 SZT DI SPINELLI

ANTONIO LO CERTO SUL PODIO

CORRADO ANDRE’ PREMIA FRANCESCA CAVALLARO

LO SQUADRONE DELLE 500

VALENTINA BORINA SOL  PRENDE LE MISURE PER IL PROSSIMO ANNO

ACCOGLIENZA

LA DOLCEZZA DI ORNELLA EMMA

RINU’ GIANCANI

Be the first to comment on "PERGUSA atto secondo: pochi, ma buoni( e senza pioggia e nebbia…)"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*