MATTEO ADRAGNA, Quando si dice: “Uno che si è fatto da sé”

MATTEO ADRAGNA

ATTEO ADRAGNA : Quando si dice. “uno che si è fatto da se” !

Quante volte , molto spesso, incontriamo sulle autostrade e anche sui traghetti dalla Sicilia a Nord grossi camion , veri e propri TIR, con la insegna “Matteo Adragna Trasporti”. E allora vi raccontiamo la storia di questo imprenditore Palermitano che si è fatto da se, affinche’ sia di incoraggiamento ai giovani che vogliano intraprendere una qualsiasi attivita’ imprenditoriale, non solo di autotrasporti, e perchè attraverso questa storia , capiscano che si puo’ restare nella propria terra, senza emigrare al Nord, e con la forza di volonta’, ma con anni di sacrifici, si puo’ arrivare dove è arrivato Matteo Adragna, lavorando onestamente sopratutto e 16 ore al giorno senza soste, oltretutto creando una grande famiglia, e dando lo stipendio al momento attuale a 172 dipendenti.

Matteo Adragna , a parte dalla nascita (classe 1957) alla primissima giovinezza, si ritrova a 13 anni a lavoricchiare in un officina di elettrauto in un quartiere di Palermo, San Lorenzo, il suo quartiere; sicuramente il padre non poteva compragli un camion ,anche al raggiungimento della maggiore eta’.Il ragazzo ha idee , inventiva, trasfosmismo tecnico, una vera passione per la meccanica, ma il suo pallino diventa il camion e , dopo avere lira su lira accumulato i soldi, mese dopo mese, e dopo anni e anni di lavoro nel settore,a 24 anni puo’ comprare il suo primo camion, un Renault Berliet, e cosi’ inizia , da solo, a fare piccoli trasporti verso il Nord, guidando anche 13 ore al giorno, dormendo nel camion, mangiando panini, e consegnando merce a Bologna, Milano e altre citta’.Nel frattempo aveva sposato giovanissimo, a 20 anni, Franca Napoli, l’amore della sua vita, dalla quale avra’ 4 figli, 3 maschi e una femmina, ma vedremo in seguito. I sacrifici dei due coniugi sono immensi, le privazioni non si contano, e gli serpeggia , quando ha un attimo di tempo per pensarci, una passione sportiva : le cronoscalate automobilistiche. Solo un sogno ovviamente, perchè bisogna crescere dal punto di vista imprenditoriale.In effetti nel 1990 arrivano altri due camion frigorifero, e l’anno dopo un quarto automezzo, e a questo punto Matteo comincia ad avere autisti, comincia a viaggiare un po’ meno, perche’ deve dedicarsi ai contatti con i committenti, entrando pian piano a far parte della rete autotrasportatori. Prende un piazzale a Villagrazia di Carini e lì , con un piccolo ufficetto , stabilisce la sua sede. Nel frattempo sono nati gia’ i primi figli, Tony , oggi quarantenne, Rosy ( 38 ) Sandro (34) e poi è arrivato anche Danilo ( 28).L’azienda cresce pian piano e i sacrifici continuano, ma gia’ i risultati danno ragione alla caparbieta’ di Matteo,che va avanti. La vogliamo fare breve: Oggi c’è , oltre alla Sede centrale di Villagrazia di Carini,una sede a Catania, piazzali di scambio in Campania,depositi di scambio, una sede a Alessandria, appena inaugurata, che fa da ponte per i traspsti all’estero , Francia e Germania. E questi sono i numeri: 130 trattori, 20 motrici, 480 semirimorchi ( isotermici, centinati, tradizionali), 172 padri di famiglia che oggi hanno un posto di lavoro. Quattro figli, gia’ ora in azienda ,ognuno con un settore da curare: Tony, il grande, gestiste il traffico nel Nord Italia, Sandro , manutenzione e parco veicoli,Danilo, pubbliche relazioni e clienti vecchi e nuovi, Rosy, segreteria coordinamento in azienda, e poi cè Lei, mamma Franca che coordina tutto il lavoro interno, e poi ci sono , per adesso, “solo” 8 nipotini scatenati, pronti a entrare, a loro tempo, in azienda:Tutti, ciascuno a proprio modo,impegnati nell’avanzamento della stessa e nell’avvicinare il Sud col Nord, e poi i trasporti via mare, il vero cavallo di battaglia , viaggiare in parte via mare, arrivare freschi e riposati e piu’ rapidi. I clienti: Riocasamia, case editrici,vini Donnafugata, Calatrasi tanto per citarne qualcuno,per non parlare di gruppi alimentari, marchi di grandi case, tutto sotto controllo h 24. Una realta’ importante non solo per la famiglia, ma anche per la Sicilia, la terra che Matteo non lascerebbe mai, la terra che per Matteo è stata sempre una madre generosa. Una lezione che lentamente emerge dalla volonta’ assoluta di quest’uomo che non si ferma mai, che crede nelle sue idee e nel futuro , una lezione appunto da raccontare ai giovani ,affinchè ne traggano esempio. E da qualche anno, non piu’ di sette indietro , Matteo si è ricordato della sua passione per le cronoscalate e nei ritagli di tempo ha iniziato , a 52 anni ,prima con la Fiat 128 X 1 /9 gr 5 1600 preparata da Cerroni, e adesso con una Porsche 911 a partecipare con successo e a farsi voler bene da tutti anche in questo settore, (corre per il Team Italia nelle autostoriche ), e coronando il suo sogno che da ragazzo e giovane era solo un sogno. Gli manca un settore: le bisarche per trasporto autoveicoli , e siamo certi che presto arriveranno.

MATTEO ADRAGNA

MATTEO ADRAGNA

FRANCA E MATTEO ADRAGNA

FRANCA E MATTEO ADRAGNA

France e Matteo il giorno del Matrimonio

France e Matteo il giorno del Matrimonio

SKMBT_C25316052322040

SKMBT_C25316052322061

I PRIMI DIPENDENTI

SKMBT_C25316052322570

IL PRIMO UFFICIO A CARINI

SKMBT_C25316052322080SKMBT_C25316052322062SKMBT_C25316052322052

DUE TIR DELL'IMPRENDITORE

DUE TIR DELL’IMPRENDITORE

I COLORI PREFERITI

I COLORI PREFERITI

DSCF2645

LA SEDE DI VILLAGRAZIA DI CARINI

LA SEDE DI VILLAGRAZIA DI CARINI

SEDE CARINI 1

LA SEDE DI CATANIA

LA SEDE DI CATANIA

IMG-20120430-00070

DSCF3118DSCF3112

NIPOTINI, NIPOTINI, NIPOTINI

NIPOTINI, NIPOTINI, NIPOTI più cresciutelle

MATTEO ADRAGNA ALLA PARTENZA DELLA LAGO- MONTEFIASCONE

MATTEO ADRAGNA ALLA PARTENZA DELLA LAGO- MONTEFIASCONE 2016

una parte della "PICCOLA"...FAMIGLIOLA DI MATTEO ADRAGNA( tre generazioni)

una parte della “PICCOLA”…FAMIGLIOLA DI MATTEO ADRAGNA( tre generazioni)

Be the first to comment on "MATTEO ADRAGNA, Quando si dice: “Uno che si è fatto da sé”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*