Isola di USTICA, paradiso dei sub e non solo.

IL PORTO

,

A 32 miglia da Palermo incontriamo l’Isola di Ustica, 1300 abitanti d’inverno, almeno 4000 in estate.Una perla nel pieno del Tirreno, dove tutto è palermitano: dall’accento perfetto dei locali ( sembra di essere in pieno centro storico di Palermo) alla cucina squisita ,alle abitudini storiche dei palermitani in fatto di cibo e di operosita’ ( quella che basta ).

Una Riserva Marina Naturale, la prima in Italia con lo scopo di preservare la flora e la fauna del posto.  Nata circa un milione di anni fa, a seguito di un’eruzione vulcanica, è caratterizzata da un profilo aguzzo e da un colore quasi nero donatole dalle colate laviche. L’isola si è guadagnata così il nome di Ustica (da “ustum”, bruciato) che le hanno dato i romani e il soprannome di “perla nera” del Mediterraneo.  Mare cristallino,pulito al 100 % , blu intenso, un panorama sottomarino da restare a guardare, se non fosse che ogni tanto il normale bagnante deve anche prendere aria. Ben diverso è il SUB e tutti coloro i quali frequentano i 9 Diving che sono presenti sull’isola, ognuno con la propria clientela e tutti dediti a insegnare ad amare le attivita’ subacquee, che non comprendono assolutamente la pesca. Infatti si puo’ guardare, fotografare, ma un pesce a casa non lo puoi portare. La riserva marina è la migliore di tutto il territorio nazionale ed è una cosa seria. Tutti i tipi di pesce sono visibili con maschera e pinne a diverse profondita’. Colori fantastici.

Diversi gli alloggi, dalle case dei pescatori ai diversi piccoli alberghi piu’ o meno centrali, fino al Villaggio Vacanze Punta Spalmatore , cento stanze e cento bungalow , con ampi spazi , piscina enorme, idromassaggio e animazioni, una viabilita’ interna degna di un piccolo paesetto, una gestione familiare della famiglia partenopea Russolillo,che si dedica con impegno a gestire questo gigante, che si affaccia sulla parte che guarda idealmente Napoli. Un via vai di pulmini che con un euro e mezzo ti portano giu’ e su dal centro, e un servizio di mini Bus comunali ogni 20 minuti da sinistra a destra e viceversa fino a mezzanotte. Noleggi barche e moto e anche biciclette e non c’è problema neanche per le  escursioni su vari temi.. Molte le calette niente sabbia ovviamente, ma tutto scoglio, e suggestivi tramonti. Dopo il 15 settembre , i 1300 abitanti dell’isola , si ritirano a casa loro e preparano la futura estate, ma le attivita’ dei Diving Sub continuano fino a Novembre.

Andare per credere. ( un ora e mezza di aliscafo da Palermo, 4 ore da Napoli, e servizi navi nel doppio del tempo )

IL CENTRO E’ COSTITUITO DA UNA PIAZZA ATTORNO ALLA  QUALE  RUOTA  TUTTA L’ATTIVITA’ COMMERCIALE ( ma  ruotano anche  troppe  macchine )

IL VILLAGGIO DEI PESCATORI

IL TRAMONTO VISTO DA PUNTA SPALMATORE

IL VILLAGGIO VACANZE PUNTA SPALMATORE

LA TORRE DI PUNTA SPALMATORE

ATTIVITA’ AL VILLAGGIO  PUNTA SPALMATORE

IL RED , POSTO PERFETTO PER VEDERE IL TRAMONTO SORSEGGIANDO UN DRINK E ASCOLTANDO BELLA MUSICA

ESPERTI DI DIVING HANNO MOSTRATO  NEGLI AMPI SPAZI  DELL ‘ HOTEL PUNTA  SPALMATORE FILMATI SUBACQUEI DI GRANDE PREGIO

Be the first to comment on "Isola di USTICA, paradiso dei sub e non solo."

Leave a comment

Your email address will not be published.


*