IL FAI GIOCA A CARTE. Ai fini benefici, o meglio, culturali

P1150143Pomeriggio di gioco per signore,organizzato dal FAI Fondo Ambiente Italia, delegazione di Catania, al timone Antonella Mandala’, ma c’erano anche due uomini, Piero Pavone, che giocava con la moglie e altre due signore, e il sottoscritto in veste di uomo bendato che tira i numeri del sorteggio dei vari regali dati da occasionali “sponsors per un giorno”, usanza che vivo da circa 6 anni,- La sede di gioco era l’Auto Yachting Club di Catania e il pomeriggio di gioco era a favore della Fondazione FAI ,che ha destinato il ricavato della serata alla raccolta fondi promossa dalla Delegazione FAI di Catania per il progetto di recupero e restauro dell’unica copia esistente della “Natività” di Caravaggio realizzata dal pittore siciliano Paolo Geraci, contemporaneo del Caravaggio, che la dipinse tra il 1637 e il 1631: detta opera è ospitata al nostro  Castello Ursino.Tra le tante signore, giocatrici di  canasta, pinnacolo e  altro, si notavano Emilia Spampinato, Giusi Bellone, Elisabetta Ferreri, Carla Maiorana, Marina Giuffrida ,Leda Bellofiore, Giovanna Todaro, Marcella Saggio, Mariagrazia Randazzo, Anna Pia Pappalardo,Lula Russo,Ofelia Castorina, Liliana Sapuppo,Valeria Grasso. Agata Mazza, e molte altre. Grande lavoro per la presidente Antonella Mandala’ , la vice Silavana Manzoni, e la consorte del Segretario del Fai ,Daniela di Stefano, affinche’ tutto andasse bene come in effetti è stato.

 

Elisabetta Ferreri, Emilia Spampinato, Giusi Bellone

Elisabetta Ferreri, Emilia Spampinato, Giusi Bellone

Giovanna Todaro,Mariagrazia Randazzo,Marcella Saggio,Valeria Grasso

Giovanna Todaro,Mariagrazia Randazzo,Marcella Saggio,Valeria Grasso

Silvana Manzoni,Antonella Mandala',Daniela Di Stefano

Silvana Manzoni,Antonella Mandala’,Daniela Di Stefano

P1150161

Gina Pappalardo

Liliana  Sapuppo  e Ofelia Castorina Leotta

Liliana Sapuppo e Ofelia Castorina Leotta

P1150163

Antonella Mandala’ e il “sorteggiatore “

Po

Be the first to comment on "IL FAI GIOCA A CARTE. Ai fini benefici, o meglio, culturali"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*