DOPPIO WEEK END DI CAMPIONATO ITALIANO ( STORICHE E MODERNE ) ALLA 61 MONTE ERICE

SIMONE FAGIOLI E DOMENICO CUBEDA SUBITO DOPO L'ARRIVO

Doppio week end di Campionato italiano alla 61 Monte Erice svoltasi nell’ultimo week end. Una edizione davvero speciale con 276 vetture al via, con ottima organizzazione, ottima direzione, ottimo tutto insomma. Alla vigilia in effetti si temeva parecchio per l’elevato numero di partecipanti ,in funzione di orari e rispetto di ordinanze prefettizie, ma un anticipo di un ora sull’orario di partenza di prove ufficiali e gara , se da un lato ha buttato tutti noi giu dal letto , pubblico numerosissimo compreso,oltrechè partecipanti attivi, dall’altro è stato un bene, perche’ effettivamente era necessario ( purche’ non diventi una regola per gli altri organizzatori, Coppa Nissena di domenica prossima compresa ).

Iniziando dalle moderme CVIM , la partecipazione di Simone Fagioli ha effettivamente dato luce alla gara, in lotta con Merli per il campionato, ma ha messo in risalto il rientro nel CVIM di Domenico Cubeda dopo 5 mesi di inattività forzata , che, a parte la Monti Iblei dove ha vinto, qui ha conquistato il terzo posto assoluto, ma con una prestazione talmente convincente, che avrebbe potuto essere ancora migliore, se il nostro pilota siciliano di punta, avesse potuto disputare con regolarita’ le precedenti gare. Diciamo quindi che è pressocchè una vittoria. Bene anche il giovane Conticelli e Omar Magliona. Nelle classi turismo , bene anche Ivan Tudisco e in proporzione anche Domenico Capuano ( Nissan Primera piu’ da pista che da salita). Molto bene in Gruppo Gt Perugini , ma anche il Senatore Enzo Gibiino,presidente Ferrari Club Italia, con le loro Ferrari Gt.

Nelle autostoriche, cinque vincitori di gruppo ( non esiste l’assoluta ) ma comunque il piu’ rapido di tutti è stato Antonio Lavieri ( quinto raggruppamento) venuto in Sicilia dalla bella Policoro con una Ralt RT 32 che ha fatto la differenza, regalando alla Scuderia Valdelsa Classic di Stefano De Santi una grande soddisfazione. Sempre nel V ° raggruppamento secondo Camillo Centamore ( ASPAS ) poi la brava Gina Colotto , , arrivata da La Spezia .con la formula Abarth.

Nel IV° ragguppamento Ciro Barbaccia( ASPAS ), si è ripreso il primo posto, dopo una Monti iblei un po bagnata( diluviava ) dinanzi a Antonio Piazza, bene anche il pisano Lottini, infastidito nel Week end da vari malanni alal sua Osella .

Nel III °Gaspare Piazza, Filippone e Ventriglia .

Nel II° Natale Mannino, Claudio La Franca e Matteo Adragna ( Etna) hanno dato spettacolo con tre Porsche ,una meglio dell’altra, riuscendo ad accontentare tutti con un fraterno e sportivo abbraccio all’arrivo.Peccato per Francesco Branciforti ( ETNA ) che ha avuto un guasto meccanico a un cerchione e non è arrivato.

Nel I° ha vinto Tiberio Nocentini con la splendida Chevron, seguito da Angelo de Angelis, con una Nerus rarissima quanto bella, ma il bel risultato del presidente Aspas Mario Orlando , detto Oiram, è stato davvero una soddifazione per tutti noi, a prescindere da campanilismi.

Tra le Scuerie , detto gia della Valdelsa classic, la Scuderia Etna ha , come ormai di consueto, vinto il secondo raggruppamento, in quanto sono stati determinanti i risultati di Matteo Adragna, Michele Marino e del vs Cronista che hanno dato una somma di tempi favorevole al primato .

Tempo buono, Sole non caldissimo, e su a Erice due giornate miti e piacevoli.

Complimenti al Presidente Aci Tp Pellegrino, al pilota Sindaco di Valderice, e a quello di Erice, a Giovanni Magaddino ( neo campione italiano Gruppo 5 1600 ) e al direttore di gara Marco Cascino , nonche a tutti i commissari di gara e delegati Aci sport.

Una nota di merito va al pilota locale Giovanni Angelo, carrozziere di Valderice, che corre anche nel campionato italiano, in quanto nella sua officina accanto alla partenza ha risolto ai suoi ospiti ( numerosissimi…)ogni loro problema tecnico – logistico, con una gentilezza staKanovistica da guinnes dei primati, ( 30 interventi in tre giorni ) e ovviamente poi ha trovato pure il tempo di vincere la sua classe. Premiazione in Piazza a Valderice , molto piu’ pratica e comoda degli altri anni su in vetta.

DOMENICO E MATTEO CAPUANO

MATTEO ADRAGNA

GIOVANNI ANGELO, angelo di nome  anzi cognome  e  di fatto.

QUI CON CASIMIRO PIAZZA

DARIO E RUGGERO NICOLOSI

ENZO GIBIINO

QUI CON ROSARIO IAQUINTA

JONCE , IL MECCANICO DEL TEAM BALLETTI CHE  ASSISTE  MATTEO ADRAGNA

QUI CON BEPPE IN UN INTERVENTO SU UNA 128 ( SUCCEDE ANCHE QUESTO)

GINA COLOTTO

GINA COLOTTO ALLA PREMIAZIONE

IL MANAGEMENT DELLA MANIFESTAZIONE

GRUPPO DI PILOTI PREMIATI DAL CLUB X1/9
PER LA LORO PARTECIPAZIONE CON LA FIAT X1/9

AMICI ALL’ARRIVO

VINCENZO BARONE CON AMICI DELLA SCUDERIA VALDELSA CLASSIC DI COLLE VAL D’ELSA DE SANTI, GOBBINI, DE ANGELIS

MATTEO ADRAGNA CON UNA DELLE NIPOTI

QUI CON UN GRUPPO DI FAMILIARI E AMICI

MATTEO ADRAGNA,VINCENZO BARONE,,SANDRO ADRAGNA

TONINO CAMILLI,ANGELO DE ANGELIS, E SIGNORA,TIBERIO NOCENTINI

TRIS DI ASSI TRA MANNINO. LA FRANCA E ADRAGNA PROTAGONISTI DEL SECONDO RAGGRUPPAMENTO

SOSTITUZIONE NOTTURNA DEL CAMBIO NELLA ALFA DI MICHELE MARINO AD OPERA DI NINO BRUNO, BRAVISSIMO

PER CONCLUDERE. GIOVANNI ANGELO HA FATTO MIRACOLI PER ASSISTERE TUTTI GLI AMICI NELLA SUA OFFINA.

ANGELO DE ANGELIS E TIBERIO NOCENTINI, INSIEME A MARIO ORLANDO NEL PRIMO RAGGRUPPAMENTO

 

 

Be the first to comment on "DOPPIO WEEK END DI CAMPIONATO ITALIANO ( STORICHE E MODERNE ) ALLA 61 MONTE ERICE"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*